JILL GALLIENI

BIOGRAFIA

Jill Gallieni nasce nel 1948 da una madre americana e un padre attore; viene cresciuta lontano dai suoi genitori fino a quando suo padre non la prende con sé all’età di 7 anni. Da sempre realizza strane bambole di stoffa e verso i 30 anni scopre che le preghiere l’aiutano a ricostruirsi, a trovare una strada per uscire dalle inestricabili situazioni mentali che la tormentano. Avrebbe voluto “dire“ con le parole ma le frasi che scriveva di suo pugno non le procuravano alcuna soddisfazione, anzi le trovava insopportabili. Per questo comincia ad inventare delle preghiere formate dalle stesse frasi ripetute centinaia di volte, come litanie che alla fine formano delle ghirlande molto fitte praticamente illeggibili. Il senso sfugge ma resta la plasticità del segno grafico di notevole intensità. Rivolte a Santa Rita, santa delle cause perse, attraverso queste preghiere Jill parla delle situazioni, delle persone, di se stessa, ecc. Le righe si sovrappongono le une sulle altre, l’inchiostro nero o a colori riempie interamente fogli e quaderni. Libera da ogni condizionamento la scrittura si sviluppa in diverse direzioni, obbedendo ad un ritmo proprio, seguendo curve e diagonali, disegnando calligrammi, fiori, case, cuori o altre forme talvolta astratte. Questi testi impressionanti sono stati recentemente acquisiti nelle collezioni del museo d’arte moderna, arte contemporanea e arte brut. Collection de l’art brut di Losanna, LAM musée d’art moderne, contemporain et d’art brut di Lille, Collection art)&)marge di Bruxelles

EVENTI

BIBLIOGRAFIA

Fontan Marie-Noelle, Galliéni Jill, Pheulpin Simone, 1_2_3 sculptures de fibres, S.l : s.n., 2011

© Rizomi 2018
Elementi grafici 2018: Giulia Gallo